Alba: da sabato 9 maggio riapre il mercato cittadino

Il 9 maggio riapre anche il mercato cittadino del sabato: potranno essere presenti i banchi alimentari e di fiori, piante e sementi in piazza Cagnasso, il Mercato della Terra in piazza Pertinace e il mercato dei produttori agricoli in piazza Prunotto.

In ogni area restano valide le regole del Piano sicurezza applicate in tutti i mercati albesi dalla riapertura martedì 28 aprile. Gli spazi, oggetto di un accurato studio sulle planimetrie e sulla dislocazione dei banchi, saranno transennati e presidiati dagli agenti della Polizia municipale, dai volontari della Protezione civile e dell’Associazione nazionale carabinieri Anc.

Ci saranno un punto di ingresso e uno di uscita. Gli accessi saranno contingentati, non potranno stazionare più di due clienti per banco e si dovrà rispettare la distanza di sicurezza di un metro. Per gli utenti è obbligatorio l’uso delle mascherine, per gli ambulanti di mascherine e guanti. Nelle aree mercatali sarà messo a disposizione anche il disinfettanti per le mani.

Non può che far piacere a tutti il graduale ritorno alle nostre abitudini come quella del mercato – commenta il sindaco di Alba Carlo Bo -, ma questo non ci deve far abbassare il livello di attenzione. Chiediamo la massima collaborazione da parte dei cittadini e il rispetto delle regole e della distanza di sicurezza”.

In piazza Cagnasso l’accesso avverrà da piazza San Francesco e l’uscita da piazza Marconi. Gli ambulanti del Mercato della Terra in piazza Pertinace hanno deciso di alternarsi, 16 un sabato e altri 16 quello successivo. L’ingresso sarà dal lato di via Pertinace, mentre l’uscita dalla parte opposta della piazza. In piazza Prunotto, invece, l’ingresso sarà dal peso pubblico e l’uscita dal lato opposto.

L’Assessore al Commercio e alla Polizia municipale, Marco Marcarino: “Oltre alla presenza dei vigili urbani e dei volontari, ogni mercatale avrà la responsabilità della propria clientela che non potrà toccare la merce, ma dovrà aspettare il proprio turno per essere servita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *